mercoledì 16 maggio 2012

Risotto agli asparagi selvatici -Risotto with wild asparagus

Risotto agli asparagi selvatici: un inizio delicato

Dopo un intenso periodo speziato ed esotico ho deciso di concedere un break alla famiglia e riportarla su gusti più conosciuti.
E poi.... diciamo la verità, mi sono imbattuta in loro, gli asparagi selvatici. I miei preferiti.
Sono piccini ma saporiti e di loro si mangia tutto. Taglio giusto la puntina prima di cuocerli e poi li sciacquo e li cuocio per pochissimo tempo in acqua salata.
Sono i compagni ideali per un bel risotto che sa di fresco e di primavera.


Risotto agli asparagi selvatici
(english version below)

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g asparagi selvatici
  • 350 g riso
  • mezza cipolla
  • uno spicchio d'aglio schiacciato
  • 50 g parmigiano
  • sale e pepe
  • un vasetto di yogurt magro filtrato (cioè lo yogurt greco, quello un po' "solido")
  • olio extravergine di oliva

Prima di tutto preparo gli asparagi selvatici.

Taglio loro la parte finale (quella più chiara) e li sciacquo. Gli asparagi selvatici sono piccoli, non è necessario grattare i gambi e di loro si mangia quasi tutto.
Li taglio in modo di avere da una parte le punte e dall'altra i gambi e li faccio cuocere in due pentole separate perché le punte, pi delicate, cuociono più velocemente dei gambi.

Dopo nemmeno cinque minuti tolgo dal fuoco le punte (controllate con una forchetta prima di spegnere, le punte devono essere resistenti ma morbide).
Per i gambi ci vuole un pochino di più, circa dieci minuti..

Scolo gli asparagi e tengo da parte l'acqua.
Tengo da parte le punte più carine (le copro e le tengo in forno tiepido per non farle raffreddare) e trito grossolanamente tutto il resto.

Ora passo al riso.
In una pentola abbastanza capiente faccio soffriggere la cipolla tagliata sottile e l'aglio in un poco d'olio.
Appena il soffritto cambia colore aggiungo il riso.
Lascio tostare mescolando e quindi aggiungo l'acqua di cottura degli asparagi in quantità sufficiente a coprire il riso. Mescolo e controllo la cottura.
Se il riso dovesse asciugarsi troppo aggiungo altra acqua e se non avessi più acqua di cottura degli asparagi aggiungo acqua calda e basta. Non metto né dado né brodo. Voglio sentire il delicato sapore degli asparagi e non avere altre interferenze.
Lascio cuocere per il tempo indicato sulla confezione (di solito tra i 15 e i 18 minuti, dipende dalla varietà del riso).
Qualche minuto prima della fine della cottura aggiungo il trito di asparagi.
Un minuto prima della fine della cottura spengo il fuoco e aggiungo il vasetto di yogurt e il parmigiano. Mescolo, metto nei piatti e guarnisco con le punte degli asparagi tenute da parte.

Delizioso no?


Risotto with wild asparagus: a gentle start



Risotto with wild asparagus 
Ingredients for 4 people
  • 400 g wild asparagus
  • 350 g rice
  • half an onion
  • a clove of crushed garlic
  • 50 g parmesan cheese
  • alt and pepper
  • a pot of yogurt filtered (ie the greek yogurt "solid")
  • extra virgin olive oil 

First prepare the wild asparagus.

Cut them the final part (the lighter one) and rinse them. Wild asparagus are small, it is not necessary to scrape the stems, and we can eat almost everything.
Cut them in order to have the points on one side, and across the stems, and I cook them in two separate pots because the points, more delicate, cook more quickly than the stems.

After less than five minutes I remove from the heat the points (check with a fork before turning off, the points must be strong but soft).
For the stems it takes a little bit more, about ten minutes ..

Drain the asparagus, and I keep water.
Keep the points from the cutest (I cover them and keep warm in the oven not to cool them) and coarsely chopped everything else. 

Now step to the rice.
In a pot large enough to do in a little oil fry the finely chopped onion and garlic.
As soon as they change color I add the rice.
Let roast, stirring and then add the asparagus cooking water in quantitiessufficient to cover the rice. Mix and control the cooking process.
If rice were too dry add more water, and if I no longer had the asparaguscooking water, I add hot water and nothing else. Do not put or bouillon cubesor broth. I want to feel the delicate flavor of asparagus and have no otherinterference.
I leave to cook for the time indicated on the package (usually between 15 and 18 minutes, depending on the variety of rice).
A few minutes before the end of cooking add the chopped asparagus.
One minute before the end of cooking I turn off the heat and add the yogurtand cheese. I mix, I put on plates and garnish with asparagus tops kept aside.

Lovely is not it? 

30 commenti:

  1. Che bel piattino che ci fai ammirare quest'oggi. Ho giusto diversi mazzetti di asparagi da utilizzare.
    Le foto mi mettono addosso una gran pace :-)

    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh questo si che mi fa molto piacere :-)

      Elimina
  2. Ma come?Hai abbandonato Samuelsson???(non mi ricordo quante "S" vanno nel suo cognome)Eh no, proprio adesso che cominciavo ad affezionarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le S sono due e ... no non l'o abbandonato. Semplicemente ho fatto una pausa altrimenti abituo troppo bene i miei :-D

      Elimina
  3. che risotto fantastico..deliziosoooooooo!!

    RispondiElimina
  4. Che buono che deve essere!! un bacione

    RispondiElimina
  5. lo yogurt per mantecare il risotto??? sei un genio Dany...non ci avevo mai pensato!!!! Baci cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-D faccio di tutto per non sentirmi in colpa quando mangio.
      Scherzi a parte a mia figlia la panna non piace e lo yogurt è davvero più digeribile e leggero (uso quello allo 0% di grasso dicendomi che così faccio un risotto "dietetico" :-D)

      Elimina
  6. E' vero sono piccoli e sottili ma buoni e teneri
    bel risotto ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille. Ed è proprio un risotto per una persona dolce e raffinata come te

      Elimina
  7. Qui è il tipo di asparagi a fare la grande differenza! di certo più saporito e ricercato il tuo riso!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. Che buon risotto ma con lo yogurt mai fatto..lo dovrò provare bacioni!
    p.s. passa da me..devo pubblicare un buon fingerfood

    RispondiElimina
  9. dimmi dove li trovi, dani... visto che siamo vicine mi puoi aiutare...
    questi mi mancano, mannaggia!
    come stai cara?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto benissimo bellezza mia e ...quando vuoi ti ci porto!

      Elimina
  10. Ho un fornitore ufficiale di asparagi selvatici, un mio vicino "il signor Armà" protagonista di due miei post. E grazie a lui ho potuto apprezzare la bontà di questi asparagi. Il risotto è buonissimo e anche come lo hai preparato tu mette voglia di provarlo! Magari se Signor Armà ripassasse da queste parti... Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. OOOh che fortuna! Voglio anch'io il signor Armà!

      Elimina
  11. Risotto agli asparagi....un classico che fa sempre tutti felici.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che sì, piace anche ai bambini :-)

      Elimina
  12. Sa proprio di primavera!!!! Peccato che qui non si trovino :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che "lì" hai tantissime altre cose buone. Se vuoi potremmo fare uno scambio "culturale" vieni qualche giorno qui, riempi le valigie e poi io vengo a riempirle da te. Che dici?

      Elimina
  13. Buon giorno cara Daniela davvero splendido questo primo da leccarsi i baffi..e che presentazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona! E si anche l'occhio vuole la sua parte.

      Elimina
  14. che buoni gli asparagi selvatici, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  15. Io li adoro, sono più amari ma lasciano un retrogusto meraviglioso! Ehai aggiunto lo yogurt? Davvero una genialata!!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-DDD si. Lo trovo più leggero (uso quello allo 0%, ma vanno bemissimo anche gli altri) e soprattutto più digeribile!

      Elimina